linux su ambienti desktop è in difficoltà
Tecnologia

Linux su ambienti desktop è in difficoltà

Se anche tu sei un grande sostenitore dei sistemi operativi Linux desktop, in questo articolo troverai alcuni approfondimenti sulle difficoltà che stanno attraversando le distribuzioni in questi ultimi anni.

Microsoft continua a spostare Windows verso un modello Desktop as a Service, e Linux sarà l’ultimo sistema operativo desktop per PC tradizionale. Ma ciò non significa che non ci siano problemi all’orizzonte.

Innanzitutto, bisogna registrare che anche Linus Torvalds è stanco della frammentazione sul desktop Linux. In una recente intervista, Torvalds ha dichiarato: “Chromebook e Android sono la strada verso il desktop”.

Ma perché Linus Torvalds ha preso questa posizione? A mio avviso la risposta va trovata nel fatto che non esiste un desktop Linux standardizzato.

Ad esempio uno dei migliori sistemi desktop Linux, Linux Mint, fornisce un modo semplice per installare le applicazioni, ma per farlo esistono una mezza dozzina di modi diversi per installare i programmi. Ciò rende la vita più difficile per gli sviluppatori, che devono manutenere e sviluppare un gran numero di diverse applicazioni che alla fine ottengono lo stesso risultato. Torvalds si augura che si possa migliorare nell’avere un desktop standardizzato che sia adottato dalle tante distribuzioni Linux disponibili.

Torvalds pensa che ci siano stati dei progressi; ad esempio per l’installazione del software, ha detto più volte che gli piace Flatpak. Questo programma software, come il suo rivale Snap, ti consente di installare e mantenere programmi su diverse distribuzioni Linux. Allo stesso tempo, questa rivalità tra Red Hat (che supporta Flatpak) e Canonical (che appoggia Snap) non piace a Torvalds, e si dichiara infastidito dal modo in cui la “frammentazione dei diversi venditori ha mantenuto il desktop”.

Nessuna delle principali distribuzioni Linux – Canonical, Red Hat, SUSE – è davvero interessata a supportare il desktop Linux. Tutti ne hanno uno, ma sono focalizzati su server, container, cloud e Internet of Things (IoT). Dopotutto, è quello il posto dove attualmente sono disponibili i soldi.

È vero che le grandi pennellate del desktop Linux sono dipinte principalmente da Canonical e Red Hat, ma il desktop è lontano dall’essere la loro massima priorità. Al contrario, gran parte dell’attuale generazione dei desktop Linux è impostata da comunità correlate ai produttori: Red Hat, Fedora, openSUSE e Ubuntu.

Un altro attore importante nell’impostazione del livello dei desktop Linux sono le piccole comunità Linux. Queste comunità includono Linux Mint, Manjaro Linux, MX Linux, elementary OS e Solus. Stanno tutte facendo un buon lavoro, ma stanno anche lavorando su basi limitate.

Prendiamo Mint ad esempio: il suo lead developer, Clement “Clem” Lefebvre, ha recentemente scritto:

Non è sempre facile ottenere ciò che vogliamo, a volte non è nemmeno facile definire ciò che vogliamo. Possiamo avere dei dubbi, possiamo lavorare duramente su qualcosa per un po’ e poi metterlo in discussione. Possiamo diventare demotivati, incerti, depressi anche da reazioni o interazioni negative, e questo può portare gli sviluppatori ad allontanarsi dal progetto, prendersi una pausa o addirittura andare via per sempre dalla comunità.

È evidente che queste non sono le parole di un uomo felice.

Lefebvre ha poi continuato:

Per quanto riguarda Muffin (il gestore di finestre predefinito di Linux Mint), al momento stiamo cercando di renderlo più fluido, per rendere le finestre più chiare … si stanno eseguendo cambiamenti radicali e refactoring. Stiamo investendo un sacco di tempo e stiamo inseguendo regressioni che stanno andando in ogni direzione. È un lavoro davvero duro e che crea tensioni all’interno del team ma il potenziale è lì; se riusciremo a portare a termine il nostro lavoro ne sarà valsa la pena.

Jason Hicks, manutentore dei Muffin e membro del team di Linux Mint, ha fatto questa osservazione su Reddit:

Ho anche una vita al di fuori del lavoro open source, non è corretto contare le ore che ho messo nel compositor, ho potuto fare solo quello perché ero disoccupato a gennaio. Ora lavoro a tempo pieno, e sto cercando di tenere il passo con correzioni di bug. Ho passato su questo ogni notte e fine settimana, praticamente ogni momento libero del mio tempo libero lo spendo cercando di sistemare le cose.

C’è anche stata tensione perché siamo a 1-2 mesi dal rilascio della versione. Abbiamo avuto discussioni controverse sulla latenza degli input, sugli effetti di alcune patch e sui modi per misurare tutto questo. Gli altri membri del team stanno attraversando le loro altrettanto difficili circostanze, ed è una quantità di stress che si verifica tutta insieme nei momenti sbagliati. Siamo umani alla fine. Spero che questi aspetti non siano trapelati così tanto nel post del blog, perché volevo solo sfogarmi e fornire un feedback. Abbiamo bisogno di persone che possano eseguire dei test in cerca di bug che potrebbero bloccare Cinnamon 4.2″

Molte volte abbiamo avuto modo di sentire parole simili dalla comunità di sviluppatori. Ci sono state molte distribuzioni desktop Linux nel corso degli anni. Tendono a durare per cinque o sei anni e poi la vita reale si intromette in quello che è quasi sempre uno sforzo volontario. I programmatori si allontanano, e la distro quindi troppo spesso è impossibilitata ad essere sostituita da un’altra.

Non è facile costruire e supportare un desktop Linux. Mint è davvero al top e spero di poterlo usare per molti altri anni a venire.

Guardando al futuro, sarebbe bello vedere una fondazione che riunisca la comunità desktop Linux e sia in grado di costruire un desktop comune per tutti. Certo, molti appassionati utenti Linux amano avere una grande varietà di scelta, e il mondo non è composto solo da utenti Linux desktop. Là fuori ci sono centinaia di milioni di persone che vogliono un desktop facile da usare che non sia Windows, che non richieda l’acquisto di un Mac e che sia dotato di un ampio supporto software e hardware.

Un desktop Linux di questo tipo, a sua volta, avrebbe un successo commerciale maggiore rispetto all’attuale mix di desktop. Ciò significherebbe che molti altri sviluppatori di desktop Linux potrebbero guadagnarsi da vivere con il loro lavoro. Ciò migliorerebbe la qualità generale del desktop Linux. Si tratta dunque di un ciclo virtuoso, che aiuterebbe tutti.

La mia speranza è che tutto ciò possa presto accadere. In caso contrario, il desktop tradizionale di Linux, in tutte le sue varianti, rimarrà un sistema operativo di nicchia per utenti esperti.